CORSO NON PROFESSIONALE

INIZIO DEL CORSO GENNAIO 2015: PER I PRIMI ISCRITTI E’ A DISPOSIZIONE UN PREMIO DI RIDUZIONE DELL’ IMPORTO D’ ISCRIZIONE AL CORSO: PROMOZIONE VALIDA FINO AL 15 NOVEMBRE 2014

Corso_locandina facebook

 

clicca sulla foto per vedere meglio i dettagli


ONIRICO

“Siamo fatti della stessa sostanza dei sogni …”AF75TDGIV
William Shakespeare

 Il poeta inglese Edward Young ci confida “Fabbrica troppo in basso chi fabbrica al di sotto delle stelle.”

L’anima umana coltiva una passione per la bellezza dell’ eccelso, del sacro, del giusto e, dentro le parole di Young e Shakespeare, queste qualità mi sbirciano eloquenti. Allora mi chiedo: il sogno ma che “roba” è?

La vita nella quale sono immerso nulla può garantirsi una sopravvivenza, breve o lunga che sia, senza avere il requisito di utilità. Allora anche il sogno serve, ha una funzione, un fine. E’ una cosa concreta, agisce sulla psiche, sull’ umore, sulla longevità della speranza, sull’ approviggionamento dell’energia e della voglia di fare, di realizzare: “Se puoi sognarlo puoi farlo!” diceva Walt Disney.

“Siamo fatti della stessa sostanza dei sogni …”, allora il sogno mi riguarda.

L’aria c’è, mi sostiene con la vita eppure non la posso acchiappare con le mani, ma non per questo la ignoro. Non posso anche volendo: morirei soffocato.

Così gli ho dato fiducia e il sogno mi sostenuto nel percorso di ciò che per me è importante. Certo, mi ricordo sempre di mettere un po’ di sale nella testa altrimenti l’aria mi porterebbe chi sa dove, ma senza, le mie vele sarebbero rimaste flaccide ed io sarei rimasto fermo. Il sogno per me è come l’altra metà: va amata.

Fino ad un certo punto della mia vita mi posso paragonare come a quella persona che è vissuto nella precarietà senza sapere che da lì a poco sarebbe arrivata l’eredità di un parente sconosciuto. Il sogno è un patrimonio per una persona come per un attore può esserlo il suggeritore: a volte determinante.

Mi piace il sogno.

“… ho coltivato la mia anima come un giardino d’amore, custodendo la terra soffice dei sogni per aiutare il germogliare dei semi della vita … ”


IL LUPO E IL CANE

Un Lupo già ridotto al lumicino grazie ai cani che stavan sempre all’erta, andando un dì per una via deserta incontrava un magnifico mastino, tanto grasso, tondo e bello, che pensò di dargli morte provocandolo in duello.

250px-Grandville_leLoup_Et_Le_ChienMa vedendolo un po’ forte, pensò invece con ragione di pigliarlo colle buone. Comincia in prima a rallegrarsi tanto di vedere il buon pro’ che gli fa il pane.

- E chi vi toglie, – rispondeva il Cane, – di fare, se vi accomoda, altrettanto? Quella vita che voi fate dentro ai boschi è vita infame sempre in guerra e sempre in scrupolo di dover morir di fame: vita stracciata e senza conclusione che non può mai contar sopra il boccone. Venite dietro a me, mio buon compare, che imparerete l’arte di star bene. Vi prometto pochissimo da fare; star di guardia, guardar chi va, chi viene, abbaiare ai pitocchi ed alla luna e sbasoffiare poi certi bocconi di carne e d’ossa, d’anitre e capponi, senza contar la broda in pagamento del menar la coda -.

Udendo questo, della sua fortuna il Lupo si rallegra fino al pianto. Ma camminando dell’amico accanto gli venne visto spelacchiato e frollo del buon mastino il collo.
– Che roba è questa? – È nulla. – È nulla un corno! – Suvvia non darti pena, forse il segno sarà della catena alla quale mi legano di giorno.
– Ti legano? – esclamò cangiando tono. – Né correre tu puoi dove ti piace? – Che importa? – Importa a me, colla tua pace; fossero d’oro, i piatti tuoi ti dono, non è una vita, no, che m’innamora -. E presa la rincorsa, corre ancora.

Jean de La Fontaine


SENTI QUESTA_6

DA FACEBOOK:

Senti questa6


LA SPINTA

Scaccola

Volevo star meglio di come vivevo.

Mi lamentavo ma niente facevo:

Era d’agosto … osservarmi per migliorarmi?

Che caldo!

Allora rimandai all’inverno …

Madonna, che freddo!

Letizia mi suggerì: “a maggio!”

Ed io: “C’è Biaggio!” (e nel fienile quando sei in compagnia … meglio Biaggio.” – Genesi 24 )

“E allora d’autunno?” Risoluta mi disse Letizia. E mi spinse di cuore l’amica!

Così caddi matura dall’albero

sulla terra imbrunita …

Crakkete! …

Finalmente mi guardai confortandomi teneramente: “Di fuori io appaio una bionda, ma dentro non sapevo di essere rossa …

oddio che male alle ossa! … ”


Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 194 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: